Intelligenza Emotiva produttiva

article.image.alt

Le emozioni sono attitudini fondamentali nella vita in grado di influenzare le nostre decisioni in modo più o meno potente. Contrariamente a quanto si possa pensare esse non sono contrapposte al pensiero razionale, ma lo aiutano ad organizzarsi.  

Nell'ambiente di lavoro, dove trascorriamo buona parte del nostro tempo, intessiamo continue relazioni e possiamo essere sottoposti a situazioni potenzialmente stressogene, sviluppare una buona competenza emotiva può davvero portare benefici sia sul piano relazionale, che sul piano produttivo. 

L'intelligenza emotiva (IE o o EI, dall'inglese Emotional Intelligence), la cui prima definizione risale al 1990 ed è stata proposta dagli psicologi statunitensi Peter Salovey e John D. Mayer, è la capacità di saper osservare le emozioni proprie e altrui, di saperle elaborare e di usare le informazioni così ottenute per guidare il proprio pensiero e azioni.  

Secondo il modello introdotto da Goleman, l'intelligenza emotiva comprende una serie di capacità e competenze che guidano l'individuo, soprattutto nel campo della leadership. Esse sono:

  1. Consapevolezza di sé: ossia conoscere e saper esprimere i propri sentimenti apertamente e con assertività, conoscere i propri punti deboli e punti di forza, capire in che cosa si può migliorare
  2. Autoregolazione: è la capacità di gestire i propri punti di forza, emozioni e debolezze, adattandoli alle diverse situazioni che possono presentarsi, allo scopo di raggiungere gli obiettivi.
  3. Motivazione: ossia la capacità di di riconoscere i pensieri negativi e di trasformarli in pensieri positivi in grado di motivare sé stessi e gli altri.
  4. Empatia: la capacità di percepire e riconoscere i sentimenti degli altri, 
  5. Abilità sociale: è la capacità di gestire le relazioni con le persone allo scopo di “indirizzarle” verso il raggiungimento di un determinato obiettivo.

Per un leader è essenziale sviluppare le competenze di Intelligenza Emotiva, perché le emozioni guidano le persone, e le persone guidano le PERFORMANCE. L'intelligenza emotiva infatti:

  • Sviluppa  lo spirito di squadra.
  • Aiuta a mantenere il Focus.
  • Aiuta a costruire relazioni efficaci.
  • favorisce un clima positivo e il benessere delle persone.
  • Riduce lo stress e il turnover delle persone.
  • Aiuta a sviluppare la resilienza e il problem solving.

L'intelligenza emotiva può essere allenata e migliorata con un po' di pratica e costanza. Ecco alcuni suggerimenti che possono offrire un buon punto di partenza per prendere consapevolezza delle proprie emozioni:

1) Osservare come ci si sente. Le giornate tendono ad avere un ritmo frenetico? Per riconnetersi con se stessi, una buona pratica è prendersi qualche minuto a intervalli regolari durante i quali ascoltare il proprio corpo, il proprio respiro e le sensazioni che si provano. Dare un nome alle proprie emozioni, snza giudicarle, è un primo passo fondamentale.

2) Osservare il proprio comportamento. Dopo aver praticato il punto 1, è utile notare anche il proprio comportamento quando si provano determinate emozioni e come ciò influisce sulla vita quotidiana. Gestire le nostre emozioni diventa più facile una volta che diventiamo più consapevoli di come reagiamo ad esse.

3) Mettere in gioco le proprie convinzioni. Viviamo in un mondo iperconnesso, dove è facile restare intrappolato nella 'bolla delle opinioni', ovvero voler vedere le proprie opinioni condivise da altri. Prendersi il tempo per cambiare punto di osservazione permette di accogliere anche altri modi di pensare e agire. Ciò porta a capire meglio gli altri e a essere più ricettivi a nuove idee.  

4) Essere responsabili delle proprie emozioni. Le proprie emozioni e il proprio comportamento provengono da se stessi, non provengono da nessun altro. Cominciare ad accettare la responsabilità di come di cosa si sente e di come ci si comporta, avrà un impatto positivo su tutte le aree della propria vita.

Infine, ricorda che hai il potere di scegliere come reagire a una situazione. Puoi  mantenere l'autocontrollo o puoi perdere il controllo, puoi provare ansia o mantenere la calma. La scelta è tua.